Fare ordine ogni giorno. E buttare.

Bastano quattro passi per iniziare a mettere in ordine. Si comincia con piccole aree e quando diventa un gesto quotidiano aiuta a liberare spazio vitale.

Ho provato molte volte che le nuove idee arrivano quando la testa è sgombra da troppi pensieri e che le cose nuove arrivano nella nostra vita quando c’è un po’ di sano vuoto per accoglierle. Il mio modo per creare spazio fisicamente e mentalmente, è liberarmi delle cose che non servono più.

Gli effetti che negli anni ho riscontrato sono più di uno. Il principale si manifesta nella mente, che per prima recepisce la sensazione di ordine tramutandola in chiarezza di pensiero e di idee. Quindi, divento più produttiva. In secondo luogo quando ti abitui a frequentare luoghi accoglienti e curati aumenta d’immediato l’autostima perché diventi di fatto una persona meritevole di bellezza e cura.

Al pensiero di riordinare ti si attorciglia lo stomaco? Io seguo quattro semplici passi, il processo è semplice e i risultati si vedo in fretta.

1. Vuotare.

Che sia un cassetto, uno scaffale, il bagagliaio della macchina o la tua borsa, il primo passo è vuotarlo completamente di tutto il suo contenuto.

2. Pulire.

Prima di rimettere dentro le cose che sceglierai di tenere lo spazio va liberato da polvere, briciole e qualsiasi altra schifezza. È l’occasione per togliere le macchie, fissare qualche pezzo, cucire uno strappo. Insomma, sto proprio parlando di riassettare e rendere come nuovo.

3. Eliminare.

Questa può essere la fase più ostica, perché in genere ci si difende con frasi del tipo: “non si sa mai, mi potrebbe sempre servire” o le evergreen: “l’ho pagata un sacco di soldi” e “lo so che non mi piace, ma è un regalo di zia Stefi, proprio non posso liberarmene”.

Il potere delle domande giuste

 

Ci sono domande che aiutano a capire il valore reale delle cose.

Quando è stata l’ultima volta che ho usato questo prodotto/oggetto?

Come mi sono sentito usandolo?

Quale sensazione provo ogni volta che apro quel cassetto e vedo quella cosa?

È un oggetto che amo utilizzare appena posso?

Mi sa far stare bene?

Rispondere ti aiuterà a focalizzarti sulle proprietà positive di quell’oggetto e a capire se ne hai ancora bisogno. Lascia fuori dalla tua vita quante più cose possibili se non servono a regalarti benessere e positività.

4. Riordinare

Dopo aver deciso cosa tenere puoi scegliere se ristabilire lo status quo o accorgerti che c’è un modo più comodo, bello o funzionale per riorganizzarti.  Se provare un nuovo sistema ti convince, ben venga, fallo, ti servirà solo qualche giorno per abituarti al nuovo assetto.

Ti ho incuriosito, vorresti provare, ma non sai da dove iniziare?

Cominciare dal piccolo è il modo migliore per non scoraggiarsi. Prova quindi con il cassetto del comodino, la scatola dei medicinali o il ripiano delle tazze. No tassativo a tutto l’armadio o la cucina intera se non vuoi ritrovarti più demotivato che mai.

Se pensi ti non avere il tempo, ti suggerisco come sempre di cominciare con un piccolo gesto: bloccandoti solo dieci minuti al giorno per una piccola zona della tua casa, della tua macchina o del tuo spazio lavorativo, puoi trasformare la pratica del riordino in una routine quotidiana senza che diventi un’impresa titanica. Io ho seguito questo sistema per anni fino a quando riordinare le cose è diventata un’abitudine a cui non riesco a rinunciare.

E tu, da dove cominceresti a rimettere ordine? Che cosa vorresti eliminare?

Extra tip.

Il libro più conosciuto che ho letto sull’argomento è Il magico potere del riordino. Il metodo di Marie Kondo è validissimo e l’ho adorato, ma lo consiglio solo a maniaci un po’ ossessivi dell’ordine. Anche se, lo ammetto, nessuno come lei mi ha insegnato quanto gli oggetti e i vestiti appesi nell’armadio trasmettano una grande energia che influenza molte aree della nostra vita. E a vuotare la borsa ogni sera quando torni a casa!

Spoiler: sfruttare il potere dei vestiti e di tutto ciò che vive nel tuo armadio è uno dei temi del prossimo workshop che si terrà in aprile. Stay tuned o iscriviti alla news letter per ricevere tutte le info in anteprima!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *