In che momento di vita sei?

Riconoscerti in quello che sei e in quello che fai è un viaggio di quattro tappe. Tu a quale stazione sali?

Gli ultimi mesi sono stati intensi per il mio personal branding. Tanto intensi da tenermi lontana dal blog per un po’. Sebbene la mia visione e la mia missione fossero chiare da tempo e lo fossero anche i servizi che volevo proporre e le persone che potevo aiutare, ho avuto bisogno di fare ordine negli argomenti di cui parlarti.

Nella vita di tutti ci sono momenti in cui fermarsi. E fare il punto. Non sono tutti uguali fra loro. Così, nell’immaginarmi un percorso di crescita lineare (anche se la vita lineare non sempre lo è), ho ricostruito un viaggio di quattro tappe. Ti sarà utile leggerlo per sapere a che punto ti trovi e di cosa hai bisogno in ogni fase del tuo viaggio.

Uno: conoscenza (di te) e consapevolezza

È la fase iniziale del cambiamento. Forse non la riconosci ancora. Provi incertezza e sfasamento. Come se a fine giornata le cose non tornassero mai del tutto. Come se mancasse sempre un pezzo del puzzle per far quadrare le cose.

Ti senti insoddisfatto e confuso. Fuori posto. Ma non sapresti spiegare il motivo e non hai idea di cosa fare per cambiare.

Forse stai dando la colpa a qualche aspetto della tua vita. Il lavoro che non va, l’amore che non c’è. La noia di giornate sempre uguali a se stesse. I soldi che non bastano mai. Il tempo tiranno. Forse in questa fase vedi un sogno che fa capolino da lontano, ma è così lontano da sembrarti irrealizzabile. La tua gestione del tempo e del denaro è molto confusa. 

Se ti trovi in questa fase, per te è arrivato il momento di conoscerti meglio e diventare più consapevole. 

Lavora su di te, impara a conoscere i tuoi bisogni, i tuoi desideri (come ti insegno a fare in questo post) e i tuoi valori. Da dove cominciare? Ci sono tante cose che un percorso di coaching ti può dare.

Dalla costruzione una solida autostima, allo sviluppo del tuo potenziale e al focus sui tuoi talenti. Ma soprattutto dall’imparare a prenderti cura di te. Puoi anche scegliere di lavorare sul tuo stile personale, cominciando a cambiare fuori per cambiare naturalmente anche dentro.

In questa fase hai bisogno di ascoltati e gettare le tue fondamenta, per riprenderti il tuo potere. Di organizzare il tempo e gestire il denaro per diventare più autonomo e indipendente. Vedi blocchi e paure? Riconoscerli ti spinge a trovare il modo per superarli.

Due: la vita giusta per te

Quando hai imparato a conoscerti, a volerti bene e ad ascoltarti, dedicandoti del tempo e riscoprendo cosa ti fa battere il cuore, diventa più facile immaginare concretamente la vita che vuoi. E puoi iniziare a disegnarla. Visualizzando come vuoi passare le tue giornate, quali sono le relazioni che ti arricchiscono, cosa ti nutre e di cosa sei affamato. 

In questa fase ti impegni per realizzare i tuoi desideri e per trovare il tuo scopo nella vita. Cominci a sentirti più allineato e centrato, hai gli strumenti per definire i tuoi obiettivi e per cambiare le cose che non funzionano più. In questo post e anche in questo trovi tutto quello che devi sapere per formulare obiettivi che possono essere raggiunti.

Tre: il lavoro giusto per te

Ormai ti conosci, sai quali valori ti guidano e qual è lo stile di vita che vuoi. È l’ora di verificare che il tuo lavoro, attuale o futuro, sia di supporto alla vita che hai scelto e non la ostacoli. Di costruire una professione che ti renda libero di esprimerti e di usare i tuoi punti di forza. Che ti permetta di dare un tuo contributo e che ti venga riconosciuta, non solo economicamente.

In questa fase potresti voler cambiare lavoro, trovare una nuova strada e dare vita a nuovi progetti. Ma potresti anche decidere di metterti in proprio o lavorare sul tuo personal branding.

Quattro: miglioramento e crescita

Nel momento in cui riesci a vivere una vita giusta per te ti accorgi che che le tue giornate sono ricche di momenti di gioia. Con i normali alti e bassi sai però che il tuo lavoro ti rispecchia e ti permette di esprimerti e ti aiuta a vivere la tua giornata ideale. Sei soddisfatto, hai raggiunto un buon equilibrio personale e hai molta più di energia da dedicare ai i tuoi progetti di vita e le cose che ami. Hai voglia di crescere, di migliorare e di non fermarti. Di portarti, insomma, a un livello successivo. 

In questa fase lavori sull’efficacia personale, sulla produttività, sulla gestione del tempo. Ottimizzi quello che hai e sai. Introduci nuove abitudini, raggiungi obiettivi e porti a termine progetti, di vita e lavoro, sempre più sfidanti.

Sono queste le quattro fasi che ho sperimentato in ogni percorso di crescita. Quattro momenti  diversi, ognuno con i suoi bisogni. L’aspetto positivo è che per ogni necessità c’è sempre una risposta che risolve il tuo problema. Hai mai pensato alla fase in cui ti trovi adesso? Sai già di cosa avresti bisogno?

Se vuoi conoscere le strategie che mese dopo mese metto in pratica per avere una vita e un lavoro che mi rendono felice iscriviti alla newsletter. È lì che condivido alla fine di ogni mese tutto quello che faccio e testo in prima persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *