Blog

Semplificare quando non puoi eliminare.

Delegare, posticipare e dire no. Cosa fare quando non puoi eliminare le cose non essenziali.

L’ultima volta che abbiamo parlato dei principi della produttività ci siamo concentrati su come comportarci quando le cose da fare sono davvero tante e come imparare a focalizzare la nostra attenzione sulle nostre priorità.

Oggi invece voglio condividere la strategia da mettere in atto quando hai finalmente capito che ci sono cose non essenziali (progetti, attività, obiettivi, spese, etc. etc.), ma non sai cosa fare. Se hai già fatto una tua lista sarai avvantaggiato, tirala fuori perché partiremo da lì. Se invece non hai ancora niente di concreto questi sono alcuni spunti da cui partire per semplificare la tua vita:

  1. la gestione della tua agenda
  2. le mail che scrivi
  3. la gestione della posta elettronica e delle sue caselle
  4. il modo di fare la spesa
  5. i mezzi con cui farti contattare dai tuoi clienti
  6. gli orari di lavoro
  7. gli oggetti che hai in casa
  8. le cose che tieni in macchina
  9. carte, bollette & co
  10. i sistemi di pagamento e i tuoi conti bancari, se ne hai più d’uno
  11. il tuo budget, le spese e la contabilità
  12. commissioni da fare
  13. le mille attività del tuo lavoro
  14. il tuo guardaroba

Ma cosa significa esattamente semplificare? Significa eliminare tutto quello che non è essenziale, che sotto sotto non ti serve, che non è funzionale alla vita che desideri, ai tuoi valori e ai tuoi obiettivi.

Guarda quindi le tue liste. Se ti sei fatto le domande giuste (le trovi in questo post) dovrebbe essere facile capire quali sono le cose su cui concentrarti.

Le puoi evidenziare, le puoi riportare in una nuova lista, le puoi tenere sempre visibili come lo screen-saver del computer o su post-it da appendere in giro per la casa. Puoi anche scrivere con l’uniposca su vetri e specchi, l’importante è che ti siano ben chiare le tue priorità.

Quali sono le cose essenziali? E quelle non essenziali?Di cosa non vedi l’ora di liberarti?

Se non sei ancora convinto di quali sono le cose da eliminare prova a pensare a dieci cose non importanti su cui stai perdendo tempo e a scriverle. Inseguire cose inutili ti allontana dalle cose che sono realmente importanti. Il segreto è uno solo. Capire che la ricetta per fare tutto e bene, non esiste.

Eliminare, delegare o posticipare. E imparare a dire no.

Una volta che hai capito quali sono le cose essenziali, cosa fare con gli altri punti della lista?

Possono essere eliminati, perché magari non sono più così importanti; possono essere delegati, forse un collaboratore, un collega o un familiare ti potranno aiutare. O possono essere posticipati e riprogrammati più avanti.

Potresti quindi decidere, guardando la tua lista di non essenziali, che quell’attività in fondo non è così importante e cestinarla, oppure di chiedere aiuto a un familiare, amico o collega, o pagare qualcuno per farla, cosa che, sopratutto nel lavoro, ti aiuta anche ad essere subito più professionale. Oppure potresti stabilire che è importante ma non prioritaria, e quindi metterla in stand-by fino a una nuova data.

Se sulla carta ti sembra fattibile, non dimenticarti che quando non siamo i soli a gestire il nostro tempo potresti scontrarti con altre persone che vengono a chiederti cose che non rientrano nelle priorità che ti sei dato. In questo caso la risposta è una sola, bisogna imparare a dire no.

Dire no è una cosa a cui non siamo abituati. Per educazione, per paura di far restare male le persone, per non risultare antipatici, snob, asociali, poco professionali. Perché abbiamo paura di perdere i clienti, di perdere il lavoro, di essere sostituiti. Di non piacere più, di non essere amati (sì alla fine è sempre tutta una questione d’amore).

Si impara a dire no facendo pratica, un po’ alla volta, con tanto allenamento. Si impara provando a casa, tenendosi pronte alcune risposte per non farsi cogliere alla sprovvista.

Si impara anche preparandosi, io per esempio ho letto questo libro sull’assertività al femminile, ma ce ne sono molti altri. Se abbiamo un buon motivo per farlo, dire no subito, in modo gentile ma fermo, alla lunga paga. Perché serve a mettere anche gli altri e non solo noi stessi nelle condizioni di rispettare di più la nostra vita, il nostro lavoro, ma soprattutto il nostro tempo.

Come essere più focalizzati

Imparare a fare focus è uno degli strumenti più importanti che abbiamo per sfruttare al meglio le nostre energie e il nostro tempo. Ci sono diversi modi per focalizzarsi ma il risultato è sempre quello di migliorare la produttività. Mi è sempre piaciuto fare foto e ho avuto la fortuna enorme di poter lavorare con…

Read More

Scegliere l’essenziale anche nel guardaroba.

Semplificarsi la vita vuol dire anche avere un guardaroba non troppo pieno. E scegliere vestiti che indossiamo, indumenti che amiamo e capi che ci fanno stare bene. [for ladies only] Come nella vita ci siamo abituati ad avere tutto a portata di mano così anche nel guardaroba abbiamo cominciato a comprare per i più svariati…

Read More

Come semplificarsi la vita scegliendo le cose essenziali.

Riuscire a fare tante cose non sempre significa fare qualcosa di significativo. Quando le cose da fare diventano troppe e ti accorgi che non stai ottenendo i risultati che speravi fermati e rifletti. Mettere limiti, identificare le cose indispensabili ed eliminare quello che non è essenziale sono le chiavi per essere più produttivi. E più…

Read More

Il metodo svuota testa per gestire troppe cose da fare

Per scegliere più facilmente cosa è essenziale ed eliminare cosa non lo è c’è il metodo delle to do list per argomento. Ti aiuta a fare ordine e a scegliere cosa affrontare e gestire meglio il tuo tempo. Con una sola grande regola. Niente va in agenda se non passa prima per le liste. Hai…

Read More

Cosa ti dice di te la tua immagine? Piccola guida al cambiamento. Capitolo 2.

Guardarci con occhi diversi, valorizzare le nostre peculiarità, non aver paura di quelli che siamo. Nel secondo capitolo sul cambiamento parliamo di immagine. La tua. Forse sarà capitato anche a te di provare il bisogno di sentirti diverso, di portare una ventata di novità nella tua vita. E quindi cambiare taglio di capelli, farti crescere…

Read More

Hai detto ordine? Piccola guida al cambiamento. Capitolo 1.

Più spesso di quello che pensi si cambia fuori per cambiare dentro. Be’ fare ordine è un ottimo sistema per cominciare a cambiare. Direi il primo. C’è un detto che mi piace molto (in inglese funziona meglio) che dice fake it until you make it. Rende benissimo l’idea del cominciare a fare invece di aspettare…

Read More

Tu chiamali paletti, se vuoi (e scopri perché servono ad alleggerirti la vita).

Hai mai giocato alla lista per l’isola deserta? No, l’isola dei famosi non c’entra. Ma in questo post ti racconto perché mettere dei limiti ti alleggerisce la vita, con quali potresti cominciare e come farlo. Quando andavo al liceo, non ricordo in che classe, ma so che già fumavo e avevo un fidanzato serio, mi…

Read More

[for ladies only] 10 capi che ho sempre amato (e sempre amerò)

Indubbiamente non siamo tutti uguali. C’è chi ha uno stile eclettico e non può vivere senza essere in continua trasformazione e chi invece è fedele a se stesso e pur girando e rigirando torna sempre lì. Senza raggiungere l’approccio estremo di un mio collega, così sicuro da avere solo jeans dello stesso modello, dello stesso…

Read More

Perchè dovresti appendere i tuoi sogni… al muro?

Hai immaginato i tuoi desideri? E magari li hai anche scritti? Ora è il momento di vederli, che poi è il primo passo per manifestarli. [Istruzioni per l’uso. Con questo post fai la tua vision board divertendoti] È un gran parlare di buoni propositi e obiettivi a gennaio. Ma succede spesso che dopo la prima…

Read More

Imparare a desiderare

Scrivere i tuoi desideri è un po’ come chiedere all’universo di esaudirli. Ecco come compilare una lista di desideri che rischiano di avverarsi. La prima volta che mi chiesero di scrivere le cento cose che avrei voluto succedessero nei mesi a venire rimasi attonita. Ero partita da Trieste con il treno della sera prima, mi…

Read More

Maschile, femminile o neutro?

Era dicembre del 1998, più di 20 anni fa. Lavoravo alla reception del Gaucho Grill Hampstead di Londra. Turno serale, in zona due, a un’ora e quaranta di strada da dove vivevo, visto che quando la metro chiudeva dovevo prendere l’autobus notturno. Avevo 22 anni, i capelli molto corti e una valigia Samsonite lilla di…

Read More

Il barattolo da due euro

Hai presente quelle cose che nascono per caso come un gioco e poi ti ci appassioni? Ecco, questa è una di quelle. Un piccolo gesto ripetuto che porta ad un risultato ben visibile. Ho cominciato lo scorso inverno. I barattoli erano due, uno per le monete da due euro e un altro per quelle da…

Read More

Tipi (libri) da vacanza

La scena è sempre la stessa. Fa caldo. Sono distesa su qualche divanetto o su un lettino da spiaggia. Mancano ancora diverse pagine, anche se con il Kindle, è sempre un terno al lotto dirlo con certezza. La mente si astrae per un secondo, va in bianco (non nel senso piacevole del termine), e un…

Read More

Gira la ruota – Secondo round

Oggi ritorno a parlarti della ruota della vita e di un secondo gruppo di aree, quelle più concrete e materiali. Che non vuol dire che per questo siano facili da affrontare.   È passato un po’ di tempo da quando ti ho raccontato della ruota della vita e di quando ho deciso che era arrivato…

Read More